La prevenzione nella popolazione ed in ambiente ospedaliero alla luce dei nuovi LEA

dal 06/10/2017 al 07/10/2017

La prevenzione delle malattie infettive costituisce uno dei principali obiettivi della Sanità Pubblica. Nella prima sessione “Evoluzione della vaccinoprofilassi” verranno analizzate in tutte le loro sfaccettature le vaccinazioni oggi esistenti, che devono essere considerate uno degli interventi più efficaci e sicuri di prevenzione primaria, non solo in termini economici ma anche clinici con benefici sia sul singolo individuo sia sulla collettività(herd immunity). Per la maggior parte delle malattie, ottenere elevate coperture vaccinali permette infatti di contenere la circolazione del microrganismo responsabile: bisogna ricordare come, grazie al loro utilizzo, è stato debellato il vaiolo e sono quasi scomparsi il tetano, la poliomielite, la difterite. In Italia il Piano Nazionale Vaccini 2017-2019 rappresenta il documento di riferimento in ambito vaccinale. Dagli ultimi dati pubblicati dal Ministero della Salute, la copertura vaccinale in Italia mostra una diminuzione sotto la soglia di sicurezza del 95% per malattie come poliomielite, tetano, difterite e desta preoccupazione la copertura vaccinale per morbillo-parotite-rosolia . I vaccini sono “vittime del loro successo”: è diminuita la percezione dell’importanza delle vaccinazioni a causa della scomparsa o riduzione di alcune malattie e la popolazione è, inoltre, bombardata da messaggi allarmanti e preoccupanti sull’utilizzo dei vaccini con la diffusione di notizie prive di fondamento scientifico. È necessario, pertanto che gli Igienisti, i Pediatri di Famiglia, i Medici di Medicina Generale si impegnino ad implementare l’adesione alle vaccinazioni, informando in maniera corretta e rassicurando la popolazione sul corretto uso dei vaccini. Nella seconda sessione “ICA: Stato dell’arte” verrà affrontata la tematica, non meno attuale, delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali. Queste rappresentano da molti anni una problematica rilevante in sanità pubblica relativamente alla qualità dell’assistenza, ai costi di degenza ed ai danni che tali infezioni possono provocare sui pazienti per l’aumento dei tassi di morbilità e mortalità. La prevenzione costituisce un elemento fondamentale con il fine di ridurre al minimo il numero dei pazienti interessati dalle ICA, abbattendo i costi sociali ed economici che gravano sul SSN italiano.

Città

Taormina (ME)

Indirizzo

Palacongressi

Immagine allegata

Condividi questa pagina: